Teatro Massimo di Palermo: Uno dei teatri più grandi

Teatro Massimo di Palermo: Uno dei teatri più grandi
Teatro Massimo di Palermo: Uno dei teatri più grandi

Il Teatro Massimo di Palermo è di gran lunga il più grande teatro non solo d'Italia, ma uno dei più grandi d'Europa. Con il suo esterno antico e neoclassico, sorge nel luogo in cui si trovavano una Chiesa e un Monastero, demoliti alla fine dell'Ottocento per avviare la costruzione di questo prestigioso teatro. La facciata del teatro ricorda un tempio classico. Una delicata scalinata conduce a un vestibolo a gradini che si regge su sei colonne di tufo corinzio su un podio con una scalinata monumentale adiacente a due leoni di bronzo cavalcati dalla rappresentazione allegorica dell'Opera e della Melodia. A circondare il teatro è un'enorme cupola con una spina dorsale metallica che, grazie a un moderno sistema di rulli, è in grado di muoversi consentendo una brillante acustica nei cambiamenti climatici.

L'uso di colonne e archi è ripetitivo, ma solo per creare una rappresentazione di un'epoca classica. La galleria del teatro Massimo di Palermo è in grado di ospitare fino a tremila spettatori, essendo dotata di cinque piani di palchi. Per un lungo periodo la struttura è stata abbandonata, anche se ora è molto viva e vegeta, ospitando opere liriche, musical, spettacoli teatrali, balletti, produzioni di danza classica e contemporanea, mostre e numerose attività all'insegna della cultura palermitana.

Costruzione e inaugurazione del teatro Massimo di Palermo

Un concorso internazionale per la creazione del teatro d'opera fu bandito dal Consiglio di Palermo nel 1864 su impulso del sindaco, Antonio Starrabba di Rudinì. Da molti anni si parlava di costruire a Palermo un nuovo grande teatro, degno della seconda città dell'Italia meridionale (dopo Napoli) e destinato a promuovere l'immagine della città dopo l'unità d'Italia nel 1861.

Il teatro dell'opera fu progettato e supervisionato dall'architetto italiano Giovan Battista Filippo Basile, noto in Sicilia per i suoi precedenti progetti di restauro della cattedrale nella città di Acireale e per i progetti di giardini e ville nella città di Palermo e Caltagirone. Dopo la morte di G. B. F. Basile, avvenuta nel 1891, la costruzione fu affidata al figlio, l'architetto Ernesto Basile.

La Società Rutelli e Machì, rappresentata da Giovanni Rutelli e Alberto Machì (entrambi soci fondatori della società), fu incaricata della costruzione principale del teatro che, sotto la direzione tecnica e costruttiva dell'architetto Giovanni Rutelli, andava dalle fondamenta fino alle strutture del sottotetto del teatro. Fu anche responsabile di tutte le decorazioni esterne dell'edificio. Rutelli progettò inizialmente una macchina gru a torre a vapore che fu poi in grado di sollevare con successo grandi blocchi di pietra e colonne in stile greco-romano durante la costruzione del grandissimo teatro.

Esperti specializzati in Sici

Giovanni Rutelli appartiene a un'antica e rinomata famiglia italiana di confermata origine britannica, una famiglia che comprende anche architetti e scultori artisti dell'antica scuola classica e barocca siciliana, nonché imprenditori edili, tutti imprenditori che risalgono alla prima metà del XVIII secolo a Palermo. Insieme all'architetto D. Mario Rutelli (bisnonno di Giovanni), erano considerati tra gli esperti tecnicamente e artisticamente più specializzati della Sicilia dell'epoca, soprattutto per la profonda conoscenza ed esperienza di Mario Rutelli e dei suoi discendenti nell'architettura greco-romana antica e nello stile architettonico normanno.

Questo stile richiedeva l'uso di pietre naturali di grande spessore, che facevano parte del progetto strutturale. Le due grandissime statue di leoni in bronzo che si trovano accanto alla scalinata monumentale d'ingresso del teatro sono state realizzate dal figlio di Giovanni Rutelli, l'artista scultore Sir Mario Rutelli e da Benedetto Civiletti.

La costruzione iniziò il 12 gennaio 1874, ma fu interrotta per otto anni, dal 1882 al 1890. Finalmente, il 16 maggio 1897, ventidue anni dopo la posa della prima pietra, il quarto teatro d'opera più grande d'Europa dell'epoca - dopo la Royal Opera House di Londra, il Palais Garnier di Parigi e il K. K. Hof-Opernhaus di Vienna - fu inaugurato con una rappresentazione dell'opera verdiana diretta da Falstaff.

standing woman covering her mouth with her right hand

L'interno è decorato e dipinto da Rocco Lentini, Ettore De Maria Bergler, Michele Cortegiani e Luigi Di Giovanni. I busti di famosi compositori sono stati scolpiti per il teatro dallo scultore italiano Giusto Liva (nato a Montebelluna, Treviso, nel 1847) e da alcuni dei suoi figli.

Strutture e storia recente

Il Teatro Massimo è il più grande teatro d'Italia. Basile si ispirò all'architettura siciliana antica e classica e, quindi, l'esterno fu progettato in stile alto neoclassico incorporando elementi dei templi greci di Selinunte e Agrigento. Realizzato in stile tardo-rinascimentale, l'auditorium era previsto per 3.000 persone, ma, nel suo formato attuale, può ospitare 1.381 persone, con 7 ordini di palchi che si innalzano intorno a un palco inclinato e dalla tipica forma a ferro di cavallo.

Nel 1974, il teatro fu chiuso per completare i lavori di ristrutturazione richiesti dalle norme di sicurezza aggiornate, ma i costi eccessivi, la corruzione e le lotte politiche contribuirono a ritardare i lavori e rimase chiuso per ventitré anni, riaprendo infine il 12 maggio 1997, quattro giorni prima del suo centenario. La stagione lirica è ricominciata nel 1999, anche se quella di Verdi è stata eseguita nel 1998 mentre i lavori proseguivano.

Durante il restauro le stagioni liriche regolari sono state rappresentate al Teatro Politeama, un edificio minore non lontano dal Teatro Massimo. In estate alcuni spettacoli, solitamente concerti, balletti e operette, si tengono al Teatro della Verdura. Negli ultimi anni, "accuse di corruzione e ingerenza politica insieme a deficit di bilancio e debiti pesanti" hanno afflitto la casa, ma, sotto l'allora direttore musicale in parte inglese, Jan Latham Koenig, è stato riferito che è di nuovo in pista eventi arte.

Il 2013-2014 è stato un biennio di pausa sotto la guida del vittorio emanuele piazza giuseppe verdi comissario straordinario Fabio Carapezza Guttuso, che ha portato Lorenzo Amato e Eytan Pessen come consulenti artistici. Sotto la guida di Carapezza Guttuso il teatro ha offerto un programma vario che comprende Feuersnot[3] di Richard Strauss, Gisela di Hans Werner Henze, Jaromir Weinberger e una maggiore attività di balletto. L'attuale intendente è l'esperto zampognaro Schwanda

Teatro San Carlo: un simbolo senza tempo di eccellenza culturale
Come ci influenzano i teatri?
L’importanza del teatro nel mondo moderno
BONUS SENZA DEPOSITA: BONUS ISTANTANEO SENZA DEPOSITO NEL 2022
Accademia balletto Roma
Slot machine online: Esistono solo modi per garantire il vostro successo alle slot machine online
Per quanto riguarda il teatro Leonardo Milano
Casino online: L’elenco definitivo dei siti di gioco d’azzardo italiani legali
Teatro nazionale Milano
Casino: Divertitevi al casinò online di StarVegas