Teatro la fenice di Venezia: Note storiche

Teatro la fenice di Venezia: Note storiche
Teatro la fenice di Venezia: Note storiche

Alla fine del Settecento, Venezia ospitava sette teatri storici, due dei quali producevano opere teatrali e gli altri ospitavano spettacoli musicali. Il teatro Rossini sorgeva sul luogo del più imponente Teatro San Benedetto. Nel 1755 fu costruito dalla famiglia Grimani e affidato alla Nobile Società di Palchettisti. Nel 1787, tuttavia, un tribunale ordinò all'associazione di lasciare l'area e di cedere il teatro d'opera alla nobile famiglia Venier, proprietaria originaria della proprietà su cui era stato costruito il teatro d'opera.

Il gruppo propose subito di sostituire il teatro la fenice di Venezia demolito con una struttura più grandiosa e stravagante come simbolo della "rinascita" della comunità. In onore della magnifica rinascita dell'associazione dopo le sue tragedie, si decise di chiamarlo La Fenice, come il mitologico uccello immortale che può emergere dalle proprie ceneri.

Nel 1790 fu acquistato un terreno e le case private che vi si trovavano furono demolite per far posto alla nuova chiesa che sarebbe sorta all'incrocio tra le vie Santa Maria Zobenigo e Sant'Angelo. Il consiglio di specialisti bandì quindi un concorso pubblico per la progettazione del teatro dell'opera e, tra i 29 progetti presentati, fu scelto quello dell'architetto Giannantonio Selva. La costruzione del progetto iniziò nel 1791 e fu terminata 18 mesi dopo, nell'aprile del 1792.

Appena inaugurata, La Fenice fu riconosciuta come uno dei migliori teatri d'opera del mondo. I suoi spettacoli e la sua architettura ottennero consensi in tutta Italia e in Europa. Ma la notte del 13 dicembre 1836, un primo incendio causato da una stufa austriaca appena installata portò scompiglio nel teatro d'opera, quasi come se il nome fosse portatore di cattivi presagi. Secondo i giornali, 18 giorni dopo lo spegnimento dell'incendio c'erano ancora macchie calde tra le macerie. Lo spegnimento dell'incendio avrebbe richiesto tre giorni e tre notti.

Il primo teatro

Il Teatro San Benedetto fu raso al suolo nel 1774 dopo essere stato il principale teatro d'opera di Venezia per oltre quarant'anni. Nel 1789, grazie all'interesse di alcuni facoltosi appassionati d'opera che desideravano una nuova e splendida residenza, fu indetto "un concorso accuratamente definito" per selezionare un architetto adatto. Vinse il progetto di Gianantonio Selva, una struttura neoclassica con 170 palchi simili tra loro, disposti a gradinate nell'iconica forma a ferro di cavallo, popolare fin dalla prima edizione del 1642 a Venezia.

Tuttavia, la procedura non è stata esente da critiche, soprattutto per quanto riguarda l'estetica della struttura. Le proposte presentate sono state una trentina e, sebbene Romanelli sostenga che quella di Selva sia stata scelta per la costruzione, il premio per il miglior progetto è andato al suo principale avversario, Pietro Bianchi. Tuttavia, il progetto di Selva e il teatro d'opera finito sembrano essere di buona qualità e il più adatto ai limiti del luogo fisico in cui doveva sorgere.

Il teatro fu costruito tra il giugno 1790 e il maggio 1792. Il nome "La Fenice" rende omaggio alla capacità di resistenza della compagnia di fronte a due devastanti insuccessi: l'incendio e la distruzione della sede precedente. Non appena il teatro d'opera fu ricostruito, tuttavia, si scatenò una battaglia legale tra la società di gestione dell'opera e i proprietari del teatro, la famiglia Venier. La giuria si schierò con i Venier e risolse il caso a loro favore.

Teatro la fenice di Venezia: Il secondo teatro

Un'altra tragedia si verificò nel dicembre 1836, quando un incendio spazzò via il teatro. Ciononostante, il teatro fu ricostruito rapidamente, dopo che gli architetti e ingegneri Tommaso e Giovanni Battista Meduna fornirono il loro progetto. L'interno è decorato con ornamenti dorati, opulenza e stucchi nello stile del tardo periodo imperiale. La sera del 26 dicembre 1837, La Fenice riaprì dopo il devastante incendio dell'anno precedente.

Dopo essere stata chiusa per tutta la durata della Prima Guerra Mondiale, La Fenice riaprì e divenne rapidamente un punto di riferimento per i cantanti e i direttori d'orchestra più famosi del mondo. Compositori come Stravinsky e Britten, e più recentemente Berio, Nono e Bussotti, furono invitati a scrivere per La Fenice nell'ambito del Primo Festival Internazionale di Musica Contemporanea, istituito nel 1930 come parte della Biennale di Venezia.

L'incendio scoppiato alla Fenice il 29 gennaio 1996 fu catastrofico. Poiché l'acustico italiano Lamberto Tronchin aveva misurato l'acustica due mesi prima, furono conservate solo quelle misure.

vacant brown wooden armless chair domenico cimarosa

Non appena scoppiò l'incendio, si sospettò un incendio doloso. Due elettricisti, Enrico Carella e suo cugino Massimiliano Marchetti, sono stati giudicati colpevoli di incendio doloso in un processo tenutosi a Venezia nel marzo 2001. Poiché la loro azienda stava affrontando pesanti sanzioni per i ritardi nei lavori di restauro, potrebbero aver deliberatamente appiccato il fuoco alla struttura. La proprietaria dell'azienda Carella è sparita quando il suo ultimo appello è stato respinto.

Teatro la fenice di venezia: Il teatro attuale

La ricostruzione è finalmente iniziata seriamente nel 2001, dopo molte battute d'arresto. Ci sono voluti oltre 90 milioni di euro e circa 200 stuccatori, pittori, falegnami e altri artigiani per 650 giorni per ricreare l'atmosfera dell'antico teatro. Questa volta, grazie a un progetto illuminato del compianto architetto italiano Aldo Rossi e al motto "com'era, dov'era"", scrive Gillian Price, "è stato dotato di ulteriori aree per le prove e di attrezzature sceniche all'avanguardia, mentre la capacità dei posti a sedere è stata aumentata da 840 a 1000".

L'architetto Aldo Rossi ha utilizzato i fotogrammi delle sequenze iniziali del film di Luchino Visconti (1954), che era stato girato nella casa, per ottenere dettagli sul progetto dell'edificio prima di ricostruire La Fenice in stile ottocentesco.

Visitare il Teatro La Fenice di Venezia

San Marco, nel cuore di Venezia, ospita il complesso teatrale noto come Teatro La Fenice. I tre corsi d'acqua Rio della Veste, Rio de la Verona e Rio de l'Barcaroli circondano l'isola del teatro. Dall'esterno il teatro è meno imponente di altre strutture antiche di Venezia, ma di notte le luci dei lampioni ad ogni angolo e all'interno dell'edificio creano una scena magica. Dall'esterno non sembra un granché, ma quando si entra nel teatro si viene trasportati in una dimensione completamente nuova stagione Giuseppe Verdi.

Non appena si mette piede all'interno del teatro La Fenice, si rimane colpiti da ogni suo aspetto. Dalle poltrone vere e proprie agli enormi lampadari, dalle pareti dipinte alle decorazioni, fino al soffitto ricoperto di angeli. Questo teatro è una festa per gli occhi, dagli arancioni e rossi brillanti ai blu e verdi freddi e ai vari accenti dorati.

Teatro San Carlo: un simbolo senza tempo di eccellenza culturale
Come ci influenzano i teatri?
L’importanza del teatro nel mondo moderno
BONUS SENZA DEPOSITA: BONUS ISTANTANEO SENZA DEPOSITO NEL 2022
Accademia balletto Roma
Slot machine online: Esistono solo modi per garantire il vostro successo alle slot machine online
Per quanto riguarda il teatro Leonardo Milano
Casino online: L’elenco definitivo dei siti di gioco d’azzardo italiani legali
Teatro nazionale Milano
Casino: Divertitevi al casinò online di StarVegas