Breve panoramica sullo sviluppo della storia del teatro

Breve panoramica sullo sviluppo della storia del teatro
Breve panoramica sullo sviluppo della storia del teatro

Un modo tipico per rilassarsi e divertirsi è andare a teatro a vedere uno spettacolo dal vivo. Opere teatrali, commedie, spettacoli musicali e altre forme di espressione artistica sono state fonte di divertimento per millenni. Dal momento che furono gli antichi greci, nel VI secolo a.C., a mettere in scena per la prima volta le opere teatrali, si potrebbe sostenere che il teatro sia nato proprio in questo periodo.

Andare al cinema è uno dei modi più popolari di trascorrere il tempo libero ed è anche uno dei più piacevoli. Fin dalla notte dei tempi, il pubblico ha sempre mostrato una forte preferenza per le varie forme di intrattenimento dal vivo, tra cui commedie, drammi e musical. Infatti, è possibile che gli antichi greci abbiano messo in scena i primi spettacoli teatrali conosciuti nel VI secolo a.C. Quando lo fecero, vivevano nell'antica Grecia.

Per aiutarvi a rimanere aggiornati sugli ultimi avvenimenti nel mondo del teatro, abbiamo compilato un elenco di alcuni dei nostri siti preferiti. Vi forniamo queste informazioni con l'auspicio che possano illuminarvi sulla storia del teatro e sulla sua evoluzione.

Storia e origini del teatro

Questa storia del teatro onnicomprensiva traccia lo sviluppo del teatro nei 2.500 anni precedenti. È consuetudine fare una distinzione tra il teatro come forma d'arte e di intrattenimento e gli elementi drammatici o performativi in altre attività; tuttavia, ci sono aspetti del teatro che possono essere trovati in molte culture diverse. Come il teatro abbia iniziato a esistere da solo e come si sia sviluppato nel corso del tempo sono due degli argomenti principali che vengono trattati nello studio della storia del teatro. Dal V secolo a.C., nell'antica Atene, le tradizioni teatrali di molte nazioni sono state tramandate di generazione in generazione.

Origini la storia del teatro

Anche se esiste una relazione significativa tra il rituale e il teatro, e le due cose hanno molte somiglianze, non ci sono prove che il rituale sia stato l'origine del teatro. Questo nonostante il fatto che il rituale e il teatro condividano molte similitudini.

Due storici, Oscar Brockett e Franklin Hildy, sostengono che i rituali sono soliti incorporare componenti che hanno lo scopo di intrattenere o offrire piacere ai partecipanti. Alcuni esempi di queste componenti sono i costumi, le maschere e gli eccellenti interpreti. Man mano che le civiltà sono diventate sempre più sofisticate, le componenti spettacolari che prima venivano eseguite esclusivamente nei contesti cerimoniali hanno iniziato a essere messe in scena al di fuori di questi contesti. Mentre tutto il resto accadeva, si stavano costruendo gli elementi che avrebbero permesso al teatro di esistere da solo.

Lo spettacolo teatrale nell'antica Roma

Una tappa significativa nell'espansione e nella maturazione del teatro occidentale si ebbe all'epoca dell'Impero romano. Secondo Livio, uno storico romano, la prima volta che i Romani assistettero a uno spettacolo teatrale dal vivo fu nel IV secolo a.C.. Gli attori in scena erano nativi etruschi. Beacham afferma che i Romani conoscevano già gli "atti pre-teatrali" prima di quell'incontro, ma non offre alcuna prova a sostegno di questa affermazione.

Quando la Repubblica romana (509-27 a.C.) conquistò vaste porzioni di Grecia tra il 270 e il 240 a.C., fu in questo periodo che i Romani conobbero per la prima volta il teatro greco. Livio Andronico fu uno scrittore vissuto intorno al 240 a.C. a cui si attribuisce la creazione delle prime opere degne di nota della letteratura romana. Queste opere comprendevano commedie e drammi.

Non sono rimaste testimonianze della prima tragedia romana e gli storici sono a conoscenza solo di tre primi tragediografi: Quinto Ennio, Marco Pacuvio e Lucio Accio. Nonostante la tragedia romana fosse molto apprezzata all'epoca, oggi non ne rimangono esempi. A differenza del dramma greco, il teatro romano antico incoraggiava attivamente la partecipazione delle donne.

red curtain stage

Attrici come Eucharis, Dionysia, Galeria Copiola e Fabia Arete ottennero successo economico, popolarità e riconoscimenti per il loro lavoro e fondarono persino una propria corporazione di attori, che ovviamente era piuttosto prospera. Sebbene la maggior parte delle attrici venga scelta per le sue abilità nel canto e nella danza, solo una piccola percentuale di attrici è nota per aver recitato in parti che richiedevano di parlare.

La transizione e il teatro altomedievale, 500-1050

La capitale del mondo romano si trasferì a Costantinopoli e all'Impero Romano d'Oriente, noto anche come Impero Bizantino, durante il quarto e quinto secolo, mentre l'Impero Romano d'Occidente era agli ultimi anni. I documenti del passato dimostrano che la mimica, le recite o le scene di commedie e tragedie, le danze e altre forme di intrattenimento erano estremamente ben accolte. Nonostante le testimonianze sul teatro bizantino siano relativamente scarse, queste forme di intrattenimento erano estremamente ben accolte. Anche nel V secolo, entrambi i teatri di Costantinopoli continuavano a mettere in scena spettacoli per il pubblico.

Il V secolo fu l'inizio di un'epoca di disordini diffusi in Europa occidentale che sarebbe durata fino al X secolo. Quest'epoca durerà fino al Medioevo (con l'eccezione di un breve periodo di stabilità durante l'Impero carolingio nel IX secolo). In conseguenza di ciò, gli eventi teatrali completamente messi in scena in tutta l'Europa occidentale andarono in declino o furono completamente eliminati.

Non ci sono prove a sostegno dell'ipotesi prevalente che gli atti osceni fossero compiuti da bande di nomadi che viaggiavano attraverso l'Europa in cerca di un pubblico; tuttavia, questo concetto persiste nonostante l'assenza di tali prove. A un certo punto, durante l'Alto Medioevo, le chiese di tutta Europa cominciarono a mettere in scena rievocazioni teatrali di importanti racconti biblici in particolari giorni dell'anno. Queste rievocazioni si svolgevano davanti a un pubblico. Queste rievocazioni servono a ravvivare le celebrazioni che si svolgono ogni anno c gente comune.

La canonichessa Hrosvitha, vissuta nella Germania settentrionale tra il 935 e il 973, modificò la struttura e lo stile delle commedie di Terenzio in modo che potessero essere utilizzate con argomenti religiosi in un totale di sei opere. Le commedie Abraham, Callimachus, Dulcitius, Gallicanus, Paphnutius e Sapientia sono le prime commedie conosciute ad essere state scritte da un drammaturgo donna parola caratteristiche.

Queste opere risalgono all'epoca post-classica e sono considerate le prime opere teatrali occidentali riconoscibili dell'epoca post-classica. Furono pubblicate per la prima volta nel 1501 ed ebbero un'influenza significativa sulle opere teatrali religiose ed educative che furono scritte nel 1600 commedia dell'arte autori.

Teatro San Carlo: un simbolo senza tempo di eccellenza culturale
Come ci influenzano i teatri?
L’importanza del teatro nel mondo moderno
BONUS SENZA DEPOSITA: BONUS ISTANTANEO SENZA DEPOSITO NEL 2022
Accademia balletto Roma
Slot machine online: Esistono solo modi per garantire il vostro successo alle slot machine online
Per quanto riguarda il teatro Leonardo Milano
Casino online: L’elenco definitivo dei siti di gioco d’azzardo italiani legali
Teatro nazionale Milano
Casino: Divertitevi al casinò online di StarVegas