Teatro San Carlo: Teatro dell’Opera di Napoli

Teatro San Carlo: Teatro dell’Opera di Napoli
Teatro San Carlo: Teatro dell’Opera di Napoli

Il Teatro di San Carlo, situato nella famosa Piazza del Plebiscito di Napoli, è considerato un luogo sacro per l'opera italiana. Questo teatro d'opera di Napoli fu fondato nel 1737, 55 anni prima della costruzione del Teatro alla Scala di Milano e del Teatro La Fenice di Venezia.

L'opera fu sponsorizzata nel 1737 da teatro San Carlo III di Borbone. Desideroso di mostrare la sua autorità, il re orchestrò un'impresa imponente. Come architetto, Giovanni Antonio Medrano fu responsabile dell'allestimento. Angelo Carasale, ingaggiato per il lavoro, portò a termine la struttura in 8 mesi.

Le origini artistiche del teatro d'opera

Quando Scarlatti si trasferì a Napoli nel 1682 e iniziò a svilupparla in un importante centro operistico che sarebbe durato fino al 1700, il re Borbone Carlo III di Napoli commissionò la costruzione di un nuovo e più grande teatro per sostituire il vecchio e inadeguato Teatro San Bartolomeo del 1621.

Così, il 4 novembre 1737, giorno dell'onomastico del re, il San Carlo fu inaugurato con la rappresentazione dell'opera Achille in Sciro di Domenico Sarro, basata su un testo di Metastasio e musicata da Antonio Caldara nel 1736. Come era consuetudine all'epoca, una donna di nome Vittoria Tesi (nota anche come "Moretta") cantò il ruolo di Achille in quest'opera. Altri interpreti di rilievo furono il soprano Anna Peruzzi (nota anche come "la Parrucchierina") e il tenore Angelo Amorevoli.

Due intermezzi di balletto, composti da Gaetano Grossatesta e con scene e costumi di Pietro Righini, videro Sarro come direttore d'orchestra. I primi episodi erano incentrati sulla passione della famiglia reale per gli spettacoli di danza, con rinomati castrati tra gli interpreti. La Clemenza di Tito (1752) di Christoph Willibald Gluck fu diretta dall'impresario Tufarelli a Napoli, mentre nel 1761 e nel 1762 Johann Christian Bach portò a teatro due opere.

Il Teatro di San Carlo fu costruito nel 1737

Angelo Carasale, ex direttore del San Bartolomeo, e l'architetto militare Giovanni Antonio Medrano collaborarono alla progettazione del nuovo teatro d'opera. Il teatro, che ha la forma di un ferro di cavallo, è il primo esempio sopravvissuto del suo genere. Per la sua costruzione furono impiegati 75.000 ducati. La sala misurava 28,6 metri di lunghezza e 22,5 metri di larghezza e aveva un totale di 1.379 posti a sedere distribuiti in 184 palchi (compresi i palchi di proscenio) in sei ordini (compreso un palco reale con spazio per dieci persone).

Il teatro poteva ospitare più di 3.000 persone se tutte stavano in piedi. Il 15 febbraio 1817, il meticoloso compositore e violinista Louis Spohr valutò a fondo le dimensioni e le caratteristiche acustiche di questo edificio per l'opera e stabilì che non esiste un luogo più bello per il balletto e la pantomima. Qui c'è spazio per le rappresentazioni di operazioni militari come il movimento delle truppe e della cavalleria, così come per le battaglie e le tempeste in mare, senza sfiorare il ridicolo. L'opera vera e propria, tuttavia, non può essere rappresentata qui perché il teatro è troppo grande.

Il San Carlo di Napoli era diventato il più grande teatro d'opera del mondo, nonostante i cantanti, signora, lo apprezzassero molto per la sua architettura, le decorazioni in oro e la lussuosa tappezzeria blu (il blu e l'oro erano i colori ufficiali dei Borboni). Beauvert spiega che l'assenza di tende in ognuno dei 184 palchi della casa fu fatta apposta affinché "nessuno potesse sottrarsi all'esame del sovrano" dal suo ingresso privato nel Palazzo Reale, un riferimento al dominio dell'allora esistente Regno Borbonico delle Due Sicilie.

Domenico Barbaia fu nominato direttore dei teatri lirici reali di Napoli nel 1809 e ricoprì questa carica fino al 1841. In poco tempo divenne noto per i suoi spettacoli innovativi e di grande impatto visivo, che entusiasmavano il pubblico e attiravano al teatro dell'opera artisti di primo piano.

Cronologia della distruzione e della ricostruzione a causa dell'incendio, febbraio 1816-gennaio 1817

La struttura fu parzialmente distrutta da un incendio il 13 febbraio 1816, durante le prove generali di un balletto. Nel giro di 10 mesi, Barbaia ricostruì il teatro d'opera per volere del re Ferdinando IV, altro re borbonico e figlio di Carlo III, che aveva ingaggiato i servizi di Antonio Niccolini. Il teatro fu rifatto nella forma di un classico teatro a ferro di cavallo, completo di 1.444 posti a sedere e di un boccascena che misura 33,5 metri in larghezza e 30 metri in altezza.

red curtain stage

La profondità del palcoscenico era di 34,51 metri. Niccolini ha ornato l'interno del bassorilievo "Il tempo e l'ora". Antonio, Giuseppe e Giovanni Cammarano eseguirono l'immagine primaria del soffitto affrescato di Apollo che porta a Minerva i migliori poeti del mondo. Nel 1844 il palazzo dell'Opera fu ristrutturato da Niccolini, suo figlio Fausto e Francesco Maria dei Giudice. L'effetto più evidente fu il passaggio all'ormai consueto rosso e oro.

Ricostruzione dalla fine del XIX secolo, ricostruzione dopo la Seconda Guerra Mondiale, fino ai giorni nostri

Dopo il suggerimento di Verdi di creare una fossa per l'orchestra nel 1872, nel 1890 fu aggiunta l'elettricità, fu rimosso il lampadario centrale e furono costruiti un nuovo foyer e un'ala per i camerini, ma per il resto il teatro rimase per lo più invariato fino al 1943, quando fu riparato dai danni dei bombardamenti.

Le bombe sganciate sul teatro lirico durante la Seconda Guerra Mondiale causarono danni significativi. Tre settimane dopo la liberazione di Napoli, nell'ottobre 1943, Pietro Francesco della Regia Artiglieria riaprì l'edificio con una rappresentazione musicale dopo aver riparato il foyer danneggiato. La prima rappresentazione d'opera ebbe luogo il 26 dicembre 1943, una volta che la struttura fu riparata e pronta per gli spettacoli musica.

Al volgere del ventunesimo secolo, il teatro lirico ha cominciato a mostrare la sua età, con attrezzature sceniche antiquate, servizi di visita insufficienti e assenza di aria condizionata. Il governo regionale della Campania ha risposto stanziando 67 milioni di euro per ristrutturare lo spazio nel corso di sei mesi nel 2008 e sei mesi nel 2009. I lavori comprendono il restauro degli interni e la costruzione di una nuova sala prove piazza trieste e trento.

Un periodo storicamente significativo per l'opera di Napoli

In questo periodo, le opere di scuola napoletana erano estremamente popolari in tutta Europa, sia nel genere dell'opera buffa che dell'opera seria. Da Napoli uscirono alcuni importanti compositori d'opera, come Feo, Porpora, Traetta, Piccinni, Vinci, Anfossi, Durante, Jommelli, Cimarosa, Paisiello, Zingarelli e Gazzaniga. Napoli si affermò come centro musicale d'Europa; le rappresentazioni delle loro opere al Teatro San Carlo erano viste da molti al di fuori dell'Italia come l'apice del successo professionale. Hasse (che alla fine si trasferì a Napoli), Haydn, Johann Christian Bach e Gluck erano tra questi compositori via San Carlo.

Teatro San Carlo: un simbolo senza tempo di eccellenza culturale
Come ci influenzano i teatri?
L’importanza del teatro nel mondo moderno
BONUS SENZA DEPOSITA: BONUS ISTANTANEO SENZA DEPOSITO NEL 2022
Accademia balletto Roma
Slot machine online: Esistono solo modi per garantire il vostro successo alle slot machine online
Per quanto riguarda il teatro Leonardo Milano
Casino online: L’elenco definitivo dei siti di gioco d’azzardo italiani legali
Teatro nazionale Milano
Casino: Divertitevi al casinò online di StarVegas